Come il CBD interagisce con il cervello?

Gli effetti del CBD sul cervello
Guadagna 10 Punti commentando il blog

 

Almeno 60 molecole biologicamente attive sono state isolate dalla pianta di Cannabis sativa. Il cannabidiolo (CBD) è uno dei due cannabinoidi primari presenti nella pianta. Probabilmente hai sentito parlare dell’altro, tetraidrocannabinolo (THC). È ciò che produce il “massimo” effetto della marijuana. Il tuo cervello ha recettori proteici dappertutto che rispondono agli endocannabinoidi. Quando una persona ingerisce cannabis, i cannabinoidi della pianta si legano a questi recettori. È simile a una chiave che si inserisce in una serratura. Esattamente quali recettori sono interessati e quali parti del cervello vengono coinvolte, variano per ogni individuo a seconda della sua composizione genetica, della storia di assunzione di farmaci e delle aspettative sull’esperienza (l’effetto placebo). Secondo la ricerca, il CBD interagisce con il cervello in numerosi modi benefici:

1. Il CBD riduce l’infiammazione ma dobbiamo ricordare che l’infiammazione stessa è necessaria per la tua sopravvivenza, una risposta infiammatoria iperattiva non è buona. La neuroinfiammazione svolge un ruolo in molte condizioni neurologiche. La ricerca ha collegato l’infiammazione a una serie di problemi da depressione, ansia, morbo di Alzheimer e problemi di memoria, ictus ed epilessia. Ci sono alcune prove che suggeriscono che l’infiammazione può anche svolgere un ruolo nella fatica e nella confusione del cervello. Studi preliminari suggeriscono che il CBD rallenta la risposta infiammatoria iperattiva del corpo. In uno studio sui topi, il CBD ha persino ridotto la neuroinfiammazione a seguito di un ictus. Riducendo l’infiammazione nel cervello, il CBD può aiutare ad alleviare i sintomi di molte condizioni neurologiche.

2. Il CBD promuove le cellule cerebrali sane ed è comune sperimentare un certo grado di declino della memoria o difficoltà di apprendimento con l’età. Per alcuni, questo declino cognitivo è per fortuna minimo o lento. Per altri, sfortunatamente, è molto più drammatico. Attualmente, 50 milioni di persone vivono con la demenza a livello globale e si prevede che tale numero triplicherà entro il 2050. Mantenere il cervello sano con l’età è fondamentale. In un cervello che invecchia il declino cognitivo legato all’età è dovuto a molti fattori che vanno dalla genetica alle abitudini di vita, è anche in parte dovuto a una diminuzione della neuroplasticità e della neurogenesi. La neuroplasticità è la capacità del cervello di cambiare e riorganizzare ed è il processo attraverso il quale avvengono i processi di tutta la memoria e dell’apprendimento. La neurogenesi è la nascita di nuove cellule cerebrali. Nello stesso studio che ha determinato il CBD riduce la neuroinfiammazione indotta da ictus nei topi, il CBD ha aumentato la neurogenesi e la neuroplasticità.

3. Il CBD protegge dai danni ossidativi. La protezione del cervello dai danni ossidativi causati dai radicali liberi è un fattore importante nel ridurre il declino legato all’età. I radicali liberi sono una conseguenza naturale della vita. Ogni volta che mangi, respiri e dormi, stai producendo radicali liberi. Un’eccessiva esposizione a stress, inquinamento o cattiva alimentazione, così come molte altre cose, può aumentare la produzione. Gli antiossidanti fermano i danni dei radicali liberi. Il CBD possiede potenti capacità antiossidanti. In effetti, la capacità antiossidante neuroprotettiva del CBD può essere paragonabile a quella delle vitamine C ed E.

4. Il CBD interagisce con i neurotrasmettitori. I neurotrasmettitori sono i messaggeri chimici che le cellule cerebrali usano per comunicare. Sono le sostanze chimiche del cervello che trasmettono segnali tra le cellule nervose per spostare le informazioni in tutto il cervello e il corpo. Il cervello usa i neurotrasmettitori per dire al cuore di battere, ai polmoni di respirare e allo stomaco di digerire. I neurotrasmettitori influenzano anche l’umore, il sonno, la concentrazione e possono causare sintomi avversi se non in equilibrio. Lo stress, la cattiva alimentazione, le neurotossine, la predisposizione genetica e alcuni prodotti farmaceutici possono portare i livelli dei neurotrasmettitori al di fuori dell’intervallo ottimale. Negli studi sugli animali, il CBD ha aumentato i livelli dei neurotrasmettitori serotonina e glutammato nei topi depressi. La corteccia prefrontale del cervello, che controlla principalmente la tua personalità, il funzionamento esecutivo e l’umore si basa fortemente sulla serotonina. Il glutammato è un potente neurotrasmettitore eccitatorio che viene rilasciato dalle cellule nervose nel cervello. Svolge un ruolo importante nell’apprendimento e nella memoria.

5. Il CBD è un anticonvulsivante. Il beneficio più sostenuto dalla ricerca del CBD è per le persone con epilessia, una condizione neurologica caratterizzata da frequenti attacchi epilettici. Negli studi clinici sull’uomo, il CBD ha dimostrato di essere efficace nel ridurre le convulsioni. Internet è pieno di resoconti di prima mano su come il CBD abbia notevolmente aiutato o eliminato le convulsioni. Gli scienziati non hanno ancora capito i meccanismi di come aiuta. Alcuni ricercatori suggeriscono che ha qualcosa a che fare con il modo in cui il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide. Negli studi sugli animali, è stato scoperto che il CBD antagonizza i recettori CB1 nell’ECS, il che può ridurre la frequenza delle crisi.

2 pensieri su “Come il CBD interagisce con il cervello?

  1. Massimo cerquini dice:

    ho ricevuto oggi velocemente il pacco dopo un giorno sono soddisfatto dei prodotti ordinati qualità eccelsa ed unica veramente un profumo buonissimo grazie complimenti al prossimo ordine

  2. Massimo cerquini dice:

    molto buono tutto sito fatto benissimo e spiega tutto scientificamente l’effetto del cdb è del thc in maniera veritiera e professionale non posso che fare solo i miei complimenti

Commenti chiusi